Il riso siciliano secondo venti cuochi. Per SorRiso siculo 4000 assaggi di felicità

DSC_0388

In principio fu l’arancino, ora sono oltre venti ricette pensate per un solo ingrediente speciale: il riso siciliano. La terza edizione di SorRiso siculo si conclude con un bilancio di 4000 assaggi di felicità, regalati al pubblico da sedici chef, tre pasticceri e due pizzaioli, impegnati nella gara della fantasia per tirar fuori il meglio da questo prodotto che torna sulle tavole siciliane grazie alla determinazione e alla curiosità del giovane agronomo leonfortese Angelo Manna di sperimentare sulle colture in via di estinzione. Continua a leggere

Il Sommelier Indipendente se ne va. Capriotti e Sultano “si lasciano” dopo 4 anni

10011186_10204921333066105_2923746862299625498_n

Quattro anni in Sicilia per lui possono bastare. Tanto più che quattro anni a dirigere la sala del Duomo di Ciccio Sultano si potrebbero moltiplicare per dieci, per fatica, ma anche qualità dell’esperienza. “Un’esperienza bellissima, indimenticabile, che porterò sempre nel cuore“, ci racconta Valerio Capriotti annunciando ormai ufficialmente l’addio al due stelle di Ragusa Ibla e alla Sicilia e la scelta di tornarsene a Roma.
Continua a leggere

Metti una cena in vaso: la Butiq di Carmelo Floridia ci piace perché…

DSC_0238 copia

Il merito di Carmelo Floridia, Stefano Alfano e Innocenzo Pluchino è, se non altro, quello di averne fatto un concept store, “sfidando” i propri futuri clienti a scoprire che si può fare un intero pasto – che sia un pranzo leggero, un aperitivo sfizioso ma anche una cena completa – con le loro ricette racchiuse in vasetto. “E se qualcuno sarà diffidente, lo inviteremo semplicemente ad aprirne uno e a sentirne il profumo“, va sicuro lo chef. Continua a leggere

GIACOMO GATÌ: IL GENIO DEL CAGLIO NATURALE

gati

 

Viaggi giorni nella Sicilia assolata, solitaria, vuota, disarmante, lunare. Visiti caseifici, fattorie aziende immerse nelle campagne più perdute. Poi un pomeriggio di settembre arrivi in un paesino del sud della Sicilia. Il mini caseificio è stretto tra i palazzi. Le strade sono piccole e per passare devi chiedere il permesso, perché qualcuno ha messo dei tavoli di plastica in strada e gioca a carte. Continua a leggere