Le Uova di Paolo Parisi

paoloparisi1

Un uovo particolare: pulito da quel gusto di “fresco” che le uova, anche le migliori, hanno.
Diverso soprattutto nel tuorlo, più molle, grasso, leggero, con una struttura proteica fuori dal comune, più lunga, con la capacità di incorporare, se montato, anche tre volte l’aria di un tuorlo qualsiasi.
Infine, ha un leggero gusto “mandorlato“, apprezzabile nel finale degustando il tuorlo crudo o comunque liquido.
Splendido nella sua essenza, è interessante riscontrare la leggerezza che conferisce nelle lavorazioni in cui viene impiegato: zabaione, maionese, creme, ecc.
Anche la pasta fresca risulta più leggera. Continua a leggere

La Cuddrireddra di Delia (Cl)

derby-0031

Cuddrireddra risale al greco kollura (pane biscottato di forma anulare) e in dialetto significa coroncina: e’ quasi impronunciabile per chi non e’ Siciliano.

In Sicilia si producono molti tipi di ciambelle, ma solo a Delia si realizzano cosi’ complicate.

Si narra che la forma a corona, sia nata come omaggio alle castellane che vivevano a Delia durante la guerra dei Vespri Siciliani (1282/1302). Continua a leggere

Il Limone Interdonato

derby-028

L’Interdonato e’ un probabile ibrido naturale tra il cedro e un limone di varieta’ “ariddaru” individuato dal colonnello Giovanni Interdonato che, al termine della carriera nella milizia Garibaldina, decise di dedicarsi ai suoi agrumeti nella valle del Nisi, in provincia di Messina.

Ottenne un frutto profumatissimo medio-grande, dalla buccia giallo-dorata, buono, senza retrogusti amari e a grana molto fine, da cui l’appellativo di frutto fino. Continua a leggere

Le Pesche Tardive di Leonforte

derby-023

Mentre il resto dell’Italia, dall’inizio del  Novecento coltiva varieta’ Americane e ogni annata ha le sue “pesche di moda”, grandi, belle e colorate, ma senza sapore ne profumi,

a Leonforte sono sopravvissute le attuali varieta’ di pesche tardive, frutto di incroci naturali tra antiche cultivar locali.

Dette tardive perche’ raccolte a Settembre, Ottobre e Novembre, si coltivano da sempre a Leonforte, vicino ad Enna.

A Giugno, ancora verdi, sono chiuse  una a una in sacchetti di carta pergamenata, e cosi’ protette da vento, grandine e parassiti, possono rimanere sull’albero fino alla raccolta, che avviene quando sono perfettamente mature. Continua a leggere

Ibleide – un libro fotografico che racconta i sapori dell’olio

Nato da un attento lavoro di Davide Dutto, fotografo piemontese amante della Sicilia, Lorenzo Piccione,noto produttore di olio ibleo, Michele Marziani, giornalista professionista e Ciccio Sultano eccellente cuoco di fama internazionale che con passione ed energia vogliono raccontare un viaggio, attraversando i luoghi e gli uomini che con il loro lavoro producono uno dei migliori oli del panorama italiano. Continua a leggere