3 x 2 = una cena “stellare”

Tre chef: Pino Cuttaia, Pietro D’Agostino e David Tamburini x due mani (ciascuno) = sei mani che insieme per un’intera serata, nella cucina della Cantina Barone di Villagrande a Milo, in occasione della serata “Aspettando la vendemmia”, organizzata dal padrone di casa Marco Nicolosi e da Andrea Graziano, all’interno della ViniMilo, tra gamberetti, pane, patate e tanto altro ancora hanno dato vita a una “cena stellare” realizzando ciascuno dei piatti da abbinare ai vini della cantina Barone di Villagrande e agli spumanti dell’Azienda Murgo. Continua a leggere

Aspettando la Vendemmia si cena con le stelle

Aspettando la vendemmia in quel di Milo, si e’ desinato tra stelle sicule e vini dell’Etna. Ieri nella Cantina Barone di Villagrande e’ andata in scena l’ennesimo evento gastronomico legato alla ViniMilo, manifestazione che da decenni catalizza in questo periodo l’attenzione degli appassionati e che quest’anno piu’ che mai sta raccogliendo consensi tra i Gourmet e i “gastro-fanatici”…non capita tutti i giorni di poter testare o “tastare” in un unico incontro ben tre chef stellati. Continua a leggere

StraOrdinario – Una festa fuori da ogni schema!

di Cristina Barbera

“Accattativilli… un euro, un euro!” queste le urla che ieri sera si sentivano nella “piazza” allestita all’interno del cortile della Cantina Barone di Villagrande di Milo durante “StraOrdinario”, l’evento gastronomico dedicato al cibo da strada promosso dal Comune di Milo, dall’azienda Barone di Villagrande e da Caponataweb. Continua a leggere

StraOrdinario – I Produttori

“Ma sta canni và mangiati schitta!?” Secondo me no, e allora ecco che fanno il loro ingresso i prodotti più tipici e tradizionali che il territorio siciliano abbia da offrire, e saranno proprio loro a fare da cornice ai vini e ai piatti che verranno presentati al primo appuntamento della ViniMilo: Agrirape; Frantoi Cutrera; Cammarata; Macelleria F.lli Sciuto; Mignemi; Casalgismondo; Alaimo & Strazzeri. Continua a leggere

Il “Festival della tradizione siciliana” all’Hotel Imperiale di Taormina

di Cristina Barbera

Il “Festival della tradizione siciliana”, il primo di una lunga serie

 

I diversi tipi di oli dei Frantoio Cutrera di Chiaramonte Gulfi, accompagnati dal pane nero casareccio di Castelvetrano preparato al momento dal mastro panificatore del panificio “Antico Forno” con la farina dei Molini del Ponte, dei fratelli Drago, realizzata con la “tumminia” o grano marzuolo, un’antica varietà di grano duro siciliano, presidio slow food; i salumi di maiale nero e formaggio dei Nebrodi “presidio slow food” dell’Azienda la Paisanella di Agostino Ninone Sebastiano; le marmellate, le confetture, i legumi e le creme, “presidio slow food” (preparati dallo chef in diverse variazioni) dell’Azienda Agrirape di Leonforte, di Angelo Manna;  Continua a leggere